Homepage / LE PIATTAFORME / Modelli animali
MODELLI ANIMALI

La piattaforma di modelli animali si pone l'obiettivo di mettere a disposizione know-how e tecnologia necessari per la generazione, il mantenimento, l'allevamento e la caratterizzazione fenotipica di modelli animali per lo studio della attività di farmaci. In particolare la piattaforma è specializzata nella generazione di modelli animali per studi di tipo non invasivo basati su imaging molecolare.
La piattaforma possiede una tecnologia brevettata per la generazione di animali geneticamente modificati che esprimono proteine che sono misurate mediante tecniche di imaging (bioluminescenza, fotoluminescenza, PET e risonanza magnetica). Tali proteine sono espresse in tutti i tessuti su stimolo di tipo farmacologico. Tra le classi di farmaci che possono essere studiati dalla piattaforma sono presenti farmaci attivi tramite recettori (recettori intracellulari o di membrana) oppure che hanno come bersaglio enzimi coinvolti in un preciso processo metabolico. Senza sottoporre l'animale a stress o alcuno stimolo dolorifico, la tecnologia messa a punto dalla piattaforma permette di valutare l'azione spazio-temporale di un farmaco e di misurarne la potenza relativa facilitando lo screening farmacologico, la definizione di parametri farmacocinetici e farmacodinamici anche in modelli animali che riproducano patologie umane.
Inoltre la tecnologia permette di valutare l'attività di un farmaco somministrato per periodi prolungati nel tempo permettendo di evidenziare eventuali meccanismi di assuefazione o di accumulo del principio attivo in organi specifici.
La piattaforma si integra pienamente con le attività delle altre piattaforme fornendo strumenti unici per una analisi completa di effetti farmacologici e/o collaterali di composti ad attività farmacologica.

Attività di Ricerca e Sviluppo e servizi tecnologici:

La tecnologia di imaging molecolare basata su sistemi reporter è di grande interesse nella ricerca e sviluppo di farmaci perche' si propone di accorciare enormemente i tempi della ricerca preclinica nelle sue diverse fasi:

  • drug design, dal momento che fornisce nuovi sistemi modello dove i fenomeni patofisiologici possono essere studiati e nuovi target farmacologici identificati;
  • drug development, facilitando l'identificazione di nuovi leads e fornendo una visione sistemica dell'attivita' 'on target' di nuove entita' chimiche, accelerando l'identificazione farmacodinamica e farmacocinetica dei farmaci, fornendo un potente strumento per la predizione della tossicita' d'organo, fornendo un potente strumento per analisi tossicologiche speciali (ad esempio effetti del farmaco sui piccoli in allattamento, su embrioni, azione genere-specifica);
  • drug delivery, fornendo un sistema modello in cui l'attività del farmaco sul bersaglio puo' essere studiata in tempo reale.

Il lavoro della piattaforma si sforza di rinnovare gli attuali strumenti di ricerca nel rispetto dei diritti animali al fine di soddisfare questi due bisogni in conflitto tra loro.

I servizi offerti dalla piattaforma includeranno anche:

  • generazione di nuovi vettori per imaging multimodale;
  • generazione di nuovi algoritmi per analisi automatica di immagini;
  • consulenza e generazione di nuovi sistemi (animali e cellulari) per imaging molecolare;
  • produzione di sistemi cellulari reporter;
  • esperienza nel mantenimento di colonie di animali transgenici;
  • screening farmacologici e tossicologici sui modelli animali disponibili;
  • servizi di supporto per lo sviluppo di protocolli destinati alla generazione di sistemi reporter innovativi.

Laboratorio di Patologia Animale

Introduzione

I modelli animali sono uno dei mezzi più accurati per lo studio di varie malattie umane. Gli studi in vitro sono poco predittivi dei comportamenti di sistemi complessi quali un organismo; ecco perché i modelli animali rappresentano un passaggio essenziale per il successo dell'applicazione all'umano delle conoscenze ottenute tramite la ricerca di base. Lo straordinario progresso nelle tecniche di manipolazione genetica ha recentemente permesso lo sviluppo di un gran numero di modelli animali, in particolare di topi geneticamente modificati, che permettono lo studio degli effetti di specifiche modificazioni genetiche in particolari patologie. In questo scenario complesso e dinamico la patologia sperimentale, indicando la potenziale attendibilità dell'applicazione all'umano dei modelli animali, rappresenta un passaggio necessario per la loro validazione.

La patologia veterinaria è la scienza che studia la relazione tra malattia e lesioni dei tessuti e degli organi. Essa permette la formulazione di diagnosi (morfologica ed eziologica) e prognosi ma soprattutto, in presenza di lesioni caratteristiche, permette di formulare ipotesi eziopatogenetiche integrando le indicazioni provenienti da altre discipline (genomica, proteo mica, epigenetica). In questo contesto emerge un importante sinergia tra la patologia sperimentale e gli aspetti morfo-funzionali esaminati attraversi tecniche innovative come l'imaging in vivo.
La patologia tradizionale gioca un ruolo chiave negli stadi precoci di validazione di queste nuove tecnologie, assicurandone la precisione e l'accuratezza.

Milano è oggi un sito importante per la ricerca biomedica, a livello sia nazionale sia europeo. Università, ospedali, gruppi di ricerca pubblici e privati e compagnie farmaceutiche sono interessate all'utilizzo di modelli animali per lo studio e la comprensione delle malattie umane. Per questo, la patologia sperimentale rappresenta un insostituibile contributo alla ricerca.

La missione

La missione del Laboratorio di Patologia Animale (MAP Lab) è quella di fornire alla ricerca biomedica indagini integrate e attività di servizio basate sulla patologia veterinaria.
MAPLab si propone di offrire le proprie competenze a tutti gruppi di ricerca, ospedali e ditte farmaceutiche interessati all'utilizzo di modelli animali.

Attività del MAPLab

Ricerca
Preparazione e Formazione:

        o tesi
        o dottorati e internati
        o seminari e corsi per scienziati e tecnici del settore della
           patologia sperimentale

Servizi

        o necroscopia di animali da laboratorio
        o istologia di tessuti animali
        o immunoistochimica
        o analisi di immagini
        o consulti nel campo della patologia veterinaria.

REFERENTI SCIENTIFICI

Adriana Maggi

Professore di Farmacologia e Biotecnologia, Direttore del Centro di Eccellenza sulle Malattie Neurodegenerative
Universita' di Milano


Adriana Maggi CV

 

Eugenio Scanziani

Preside di Medicina Veterinaria, Università degli Studi di Milano